lunedì 10 febbraio 2014

Il mio strucolo e il mio strudel per l'MTC di quella (Lasagna)pazza della Mari!!


Intanto una cosa l'ho gia' vinta: per la primissima volta da quando partecipo all'MTC pubblico nel primissimo giorno utile per inviare le ricette!! Hurra'!! Merito dell'oggetto della sfida lanciata da Mari Lasagnapazza, che vincendo la scorsa edizione dell'MTC si e' tirata addosso la sfiga  si e' aggiudicata l'onore di condurre le danze in questa 36° edizione del gioco piu' bello del web! E ci sta facendo ballare a ritmo di strudel, la bella triestina.... Non solo il classico dolce da forno tipico della ricca tradizione culinaria della sua citta', ma anche il cugino salato e bollito: lo strucolo in straza! E se di strudel qualcuno ne e' uscito da mio forno, mai pentolone fumante aveva sostenuto galleggianti salsicciotti di pasta ripiena fasciati in aderentissimi ed elegantissimi panni. Mai prima d'ora. Ma d'ora in poi si', sicuramente! Entusiasmo alle stelle per questa preparazione che mi ha conquistata a prima vista, che conoscevo e gia' da tempo desideravo provare, ma solo il vederla proposta da Mari per questo MTC ha fatto scattare la molla decisiva. 
Per questo mio primo di molti strucoli che verranno, ho pensato di proseguire con la carrellata di ortaggi  dei quali, come ormai sapete, in casa La Valigia siamo tutti golosi: dopo barbabietole, pastinache e rutabaghe varie, e' ora il turno del Kohlrabi, che qui in Olanda chiamano Koolraap e in Italia  cavolo rapa.





A dire la verita' non e' esatto definirlo rapa, dato che la parte che mangiamo si chiama torsa ed e' un ingrossamento del fusto che si forma poco al di sopra del terreno, quindi non e' propriamente una radice. A creare questa lieve confusione, penso siano l'aspetto,  la consistenza e il sapore, molto simili a quelli delle rape bianche. In piu' il cavolo rapa ha un retrogusto abbastanza dolce che ricorda il cavolo, giustificandone il nome, e che si intensifica in cottura. Il Kohlrabi si puo' consumare crudo, affettato sottilmente in insalata oppure cotto: bollito, al vapore, in zuppe e minestre. Io ho optato per la cottura in forno che ne esalta la dolcezza e lascia la polpa piu' asciutta e saporita rispetto alla cottura in acqua. Inoltre con la cottura in forno gli  zuccheri si caramellano conferendo un piacevolissimo aroma quasi di affumicato. 
Zucca butternut, feta e yogurt greco, completano il ripieno in una bell'armonia di sapori che si contrastano e si bilanciano l'un l'altro. Armonia che si ripete anche nella salsa di porro cotto nel vino bianco, legata con un po' di yogurt greco. Solo due cucchiaini d'olio extravergine d'oliva oltre a quello presente nella pasta, che qui siamo ancora a dieta, volenti o nolenti. Considerando che le dosi bastano per 4 persone, direi che tutto sommato e' un piatto leggero, ma pieno di gusto.

Strucolo in straza
di Kohlrabi e  butternut squash arrosto
con crema di feta al timo
e salsa di porri cotti nel vino


Per gli ingredienti e il procedimento per fare la sfoglia, vi rimando direttamente al post di Mari, dove troverete anche le foto del passo passo che vi saranno molto utili. 
Uniche varianti apportate da me sono il tipo di farina ( io ho voluto provare una 0 artigianale che mi hanno regalato in Italia) e di conseguenza la quantita' di acqua che ho dovuto aumentare di circa 20 ml

Per il ripieno
Ingredienti
1/2 zucca butternut o 400 g di zucca gialla
2 cavoli rapa
2 cucchiaini di olio extra vergine d'oliva
sale e pepe
250 g di feta
100 g di yogurt greco
1 cucchiaino di foglioline di timo fresco

Accendete il forno a 200°C 
Eliminate la buccia e i semi alla zucca e sbucciate  e mondate i cavoli rapa. Tagliateli entrambi in dadi di circa 1,5 cm. Versateli in una teglia da forno, unite i due cucchiaino d'olio, il sale e il pepe e mescolate bene per distribuire il condimento. Infornate in forno gia' caldo per almeno 20/25 minuti o finche' le verdure saranno tenere e ben cotte, ma non sfatte. Durante la cottura mescolate un paio di volte e fate attenzione che le rape, piu' asciutte della zucca, non scuriscano troppo.
Nel frattempo sbriciolate il feta in una terrina e mescolatelo con lo yogurt e il timo.
Quando le verdure saranno cotte, sfornatele e lasciatele raffreddare. Nel frattempo stendete la pasta nello spessore e nella misura indicate nella ricetta di Mari.
Distribuite il composto di feta e yogurt avendo l'accortezza di lasciare liberi due centimetri di sfoglia su tutti i lati.
Distribuite anche  le verdure in modo uniforme sopra al formaggio, poi arrotolate lo strucolo ed avvolgetelo nel panno, sempre seguendo le indicazioni di Mari.
Io ho usato una mussola di cotone che tengo apposta per questi scopi, che faccio bollire dopo averla ben lavata con sapone naturale, in modo da eliminare ogni traccia di detersivo, e che poi conservo in un sacchetto per alimenti a chiusura ermetica. La trama non e' fitta come quella di un canovaccio da cucina, ma essendo molto grande ho potuto avvolgerla piu' volte intorno allostrucolo e non ho avuto il minimo problema. Inoltre, non avendo a disposizioni pentole abbastanza grandi da consetire allo strucolo di galleggiare, ho pensato di lasciare lo spago che legava le estremita' un po' piu' lungo per  poterlo fissare ai manici della pentola in modo da sostenere il peso del salamotto ed impedire che si adagiasse sul fondo. L'ho fissato facendo in modo che lo strucolo fosse coperto da un dito abbondante d'acqua e durante la cottura ho tenuto sul fuoco un pentolino di acqua bollente, che ho aggiunto man mano che il livello scendeva.
Fate  cuocere lo strucolo, con la pentola coperta, per 35 minuti.


Mentre lo strucolo cuoce, preparate la salsa
Ingredienti:
1 porro
150 ml di vino bianco secco
2 cucchiai di yogurt greco
50 ml di latte
sale e pepe

Eliminate le foglie esterne del porro e poi affettatene la parte bianca molto finemente. Mettetela in una piccola casseruola con il vino, coprite, portate a bollore a fuoco vivo, poi abbassate la fiamma al minimo e proseguite la cottura fino a che quasi tutto il vino sara' evaporato ed il porro sara' ben cotto e abbastanza tenero da essere schiacciato con una forchetta. Ci vorranno piu' o meno 20 minuti. In una ciotola diluite lo yogurt con il latte e poi aggiungetelo al porro mescolando bene. Fate scaldare, ma non bollire. Aggiustate di sale e pepe e tenete in caldo fino al momento di servire.
Quando lo strucolo sara' cotto, scolatelo, liberatelo dal panno, tagliatelo a fette di circa due centimetri di spessore e servitelo accompagnato dalla salsa di porri.

Strudel di pere, ciliegie sciroppate
e mandorle amare
con salsa di sciroppo di ciliegie 


Ed eccoci alla versione dolce, cotta in forno. Come ho detto all'inizio, di strudel ne ho fatti ben piu' d'uno in vita mia, seguendo varie ricette, ma senza trovare completa soddisfazione. Mari, invece, mi ha fatto scoprire l'acqua calda, e' proprio il caso di dirlo. Ammetto la mia ignoranza, ma io proprio non lo sapevo! Questa sfoglia e' una vera meraviglia, si tira senza difficolta' alcuna e diventa quasi trasparente pur mantenendo un'elasticita' stupefacente. 
Qui per il ripieno ho deciso di metter mano a una delle conserve fatte la scorsa estate con la frutta raccolta a Thiviers, quella degli alberi del nostro piccolo frutteto. In questo caso si tratta di ciliegie che ho invasato insieme ad uno sciroppo molto leggero e delicatamente speziato, seguendo una ricetta americana che consente di avere il ripieno della famosa cherry pie, la tradizionale torta di ciliegie d'oltre oceano, sempre a disposizione, tutto l'anno. 
Nel caso in cui voleste provare a fare questo strudel, penso che nei supermercati piu' forniti si possa trovare questo tipo di ciliegie conservate. Lo sciroppo e' molto liquido, tipo quello delle pesche sciroppate, per intenderci e i frutti sono morbidi, non canditi come quelli delle ciliegie sciroppate a cui siamo abituati noi.
Le ciliegie le ho messe in vaso intere con loro  nocciolo, perche' questo conferisce un delicato profumo di mandorla amara. Siccome questo aroma lo volevo ben presente nel dolce finale, ho aggiunto anche una mezza dozzina di armelline, le "mandorle" amare contenute nei noccioli delle pesche e delle albicocche: quest'estate ne ho marmellate a chili e di alcune ho faticosamente spaccato i noccioli  per prelevarne il seme e farlo seccare. Aggiunte in piccole dosi alle mandorle vere, contribuiscono ad intensificarne il gusto ed a renderlo piu' " interessante". La pera poi, con la sua consistenza quasi cremosa  e la sua dolcezza ci sta d'incanto in questo strudel e rende del tutto superflua l'aggiunta di zucchero. Scelta quasi obbligata per la salsa di accompagnamento: lo sciroppo di conservazione delle ciliegie, fatto ridurre, addensato con un cucchiaino di maizena e reso cremosissimo con un pezzetto di burro. Due ghirigori di panna fresca liquida e anche l'occhio e' accontentato.


Anche in questo caso vi rimando al post di Mari per la preparazione della sfoglia.
Io ho usato ancora la mia farina 0, ma non ho avuto bisogno di aumentare l'acqua.

Ingredienti
per il ripieno
3 pere Conference, lavate, detorsolate e tagliate a dadini senza sbucciarle
300 g di ciliegie sciroppate, sgocciolate
30 g di pane grattugiato
40 g di mandorle intere non pelate
6 armelline
15 g di burro fuso
zucchero a velo
per la salsa
150 ml di sciroppo di conservazione delle ciliege
1 cucchiaino di maizena
20 g di burro
panna fresca liquida per decorare

Accendere il forno a 180°C

Tritare le mandorle insieme alle armelline e poi unirle al pane grattugiato. Distribuire il composto sulla sfoglia gia' stesa, lasciando liberi almeno due centimetri su tutti i lati.  Distribuire il piu' uniformemente possibile i dadini di pera e le ciliegie ben sgocciolate dal loro sciroppo. 
Arrotolare lo strudel come vi insegna a fare Mari e deponetelo su una teglia da forno. Per non dover usare altro burro io ne ho usata una antiaderente. Spennellatelo delicatamente con il burro fuso e infornate per 35/40 minuti. Fate attenzione che la superficie non scurisca troppo.
Sfornatelo, cospargetelo di zucchero a velo e fatelo raffreddare completamente prima di affettarlo.
Mentre lo strudel si raffredda, preparate la salsa mettendo lo sciroppo in un pentolino e facendolo sobbollire a fuoco basso per 5 minuti minuti perche' si riduca un po'. In una ciotolina diluite la maizenza con pochissima acqua e mescolate bene per assicurarvi che non ci siano grumi, quindi unitela allo sciroppo, proseguendo la cottura per un minuto o due, finche' la salsa si sara' addensata. Togliete dal fuoco ed aggiungete il burro, mescolando energicamente finche' si sara' sciolto completamente incorporandosi alla salsa. Se raffreddandosi la salsa dovesse rapprendersi troppo, prima di servire il dolce rimettetela al fuoco per pochi secondi, ma senza farla assolutamente bollire.
Versate due cucchiai di salsa su un piattino da dolce, decorate con qualche goccia di panna liquida e  adagiate due fette di strudel spesse due dita sopra la salsa.

Ed ecco il mio strucolo e il mio strudel per l'MTC di questo mese:
LO STRUDEL!





74 commenti:

  1. Ma allora.......te la dai una calmata sì o no?????
    Così mi spaventi...e mi tieni pure sveglia:)))))
    Sto scoprendo che l'Olanda è una terra piena di cose buone e di tutte quelle verdure che fanno impazzire anche me oltre che di gente che le raccoglie e le cucina giorno e notte, tipo te!
    Ti vedo strepitosamente grintosa, mi toccherà svegliarmi dal letargo:))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu devi sempre essere la prima a commentare??? Tesoro, tu anche dormendo, con la benda sugli occhi e una mano legata dietro la schiena sapresti fare meraviglie!!!...del resto e' cosi' che le crescono le bionde sul pianeta dal quale arrivi tu: con una marcia in piu!!

      Elimina
  2. Ecco che per tre minuti mi hai battuto!!!
    È tutta colpa del Martirio che mi ha fatto sparire la pesciera della nonna!!!
    Inutile, mi sa che mi converrà procurarmene un'altra ... e pure bella!!!
    Belli continuare a conoscere nuovi ortaggi!!! Io, come al solito , sono molto più prevedibile e banale.
    A te sono venuti strepitosi entrambi!!
    A presto...torno a guardare "la mia Africa" e a pensare a una alternativa.
    Baci.
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre copa dei mariti Nora! Se vuoi la pesciera nuova e pure bella, sparagli una bella Agnelli e lo stendi il tuo martirio!!...ci pensera' due volte a farti sparire le caccavelle d'ora in poi....Tu non sei mai banale, che a mettere la casseola nello strudel non e' un attimo, ci vuol pensiero! Che tristess "la mia Africa"!!...ma sempre un gran bel vedere....Baciotti bela tusa!

      Elimina
  3. Lo sapevo che questo mese ne avremmo visto delle belle, a considerare l'inizio direi delle bellissime!
    Ma cosa state lì a fare le ore piccole tu e TataNora, io la sera crollo sulla poltrona , altro che aspettare la mezzanotte. ;)

    Mi manca di provare ancora la versione dolce, masarà ottima almeno come la versione salata.

    La tua cucina è una continua scoperta.

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ormai ho preso gli orari del maritino Loredana, altrimenti non ci si incontra!! Se la mia cucina e' una scoperta, nella tua ci si sente come Indiana Jones: una grande avventura!! Un abbraccione Loredana! Grazie di cuore, a presto.

      Elimina
  4. Sei tremenda ahahahahhahaha...le hai battute tutte sul tempo ....e nizzichina, ti sei lanciata alla grane, i prossimi strudel cosa ci tiri fuori se già sei partita con la sesta??? Buona giornata Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahaha...chiamatemi Flash!....i prossimi?...chi ti ha detto che ne faro' degli altri?!? ;) Buona settimana, Fla. Un abbraccione e grazie!

      Elimina
  5. 1 post, 1 record personale stracciato, 150 sfidanti con un palmo di naso, 2 strudel, 1 minaccia (è solo l'inizio) e non so quante "chicche" da segnare sul quadernetto dei consigli, dal trucco dello spago allacciato ai manici della pentola alle ciliegie nello sciropo della chietty pie (e ti ricordo che le amiche si vedono nel momento del bisogno, nel senso che io ho bisogno di questa ricetta!!!)....
    Vado in ordine
    1. lo strudel salato è una "cornalata". Tu osi col niente, con le verdure povere, col cm 0, ma se la filiera è corta, la fantasia prende dei voli che ti saluto pindaro... qui siamo sulle montagne russe del dolce/amaro/acido, affrontato tutto assieme e tutto straordinariamente bilanciato, in un gioco di equilibri che a volte è proprio sul filo, ma che è sempre guidato dalla mano sicura della tua abilità e dall'ancor più sicura garanzia del tuo palato. Il carico da undici è che questi risultati li ottieni, volutamente, con quello che c'è intorno a te: e questo apre dei versanti nuovi (ancorchè antichi, ma la disponibilità piena di tutto, oggigiorno, ci ha portato a dimenticare come si cucinava una volta), anche per la nostra gara: perchè è grazie a quella saggezza antica che tu ci regali a profusione,da qualche tempo a questa parte, che noi riscopriamo quanta ricchezza ci sia, a portata di mano (e, eprchè no?, anche di portafoglio...)
    2. versione dolce: per una che è allergica alle mandorle, alle armelline, alle pere e alle ciliegie (e son tutte allergie tardive, per cui so bene che cosa mi perdo), esiste una sola parola, di fronte a questa tua seconda proposta: BENTELAN. Nel senso che col cavolo (allergica pure a quello, by the way), che sto a farmi di antistaminici perchè la lingua sfiora una di queste sostanze. Mi ci strafogo- e poi corro ai ripari. Che mica si vive di sola aria, ecchediamine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio papa' mi ha insegnato che si fa di necessita' virtu': rape abbiamo e rape usiamo! E io son felice di averle scoperte o riscoperte da quando vivo in Olanda, perche' son proprio buone e son cosi' versatili che condite con un po' di fantasia diventano quello che vuoi tu. Io penso che continuero' a sperimentare in questo campo, perche' le possibilita' son davvero infinite e l'argomento mi appassiona. La ricetta delle ciliegie sciroppate arriva, ma non farmi sentire in colpa e stare in pensiero....Grazie infinite per la tua attenzione Ale. Non sei unica. Di piu'!

      Elimina
  6. Beh, allora ditelo. Ho programmato alle 8.00 pensando che fosse un orario umano ma qui c'è chi posta alle 00.01 e c'è pure gente che legge a quell'ora....mi viene da pensare seriamente che qui non siamo in un luogo normale. E poi leggo le tue ricette e mi rendo conto che a livello di gusti ci avviciniamo tanto, perché pere e zucca le ho usate anche io, anche se nella stessa ricetta. Solo che le tue due ricette valgono 10 e adesso, anche se avessi avuto l'intenzione di continuare, mi si è ammosciato l'ammosciabile. Ah, dimenticavo, facendo il mio strudel ti ho pensata un bel po'! Scopri perché!
    Baci grandi meravigliosa creatura. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scoperto! E ti ringrazio per aver nobilitato il mio modesto regalino!! Ma che moscia e moscia, ma stai a scherza pe' davero??? Tu dai la paga a tutti sempre comunque e dovunque!! Non ci faccia ridere Malomo, per cortesia......Chissa' cosa stra frullando in quella testolina matta....Un abbraccione bella donna, grazie ancora per il pensiero.

      Elimina
  7. già partita alla grande eh?!!! wow, non so quale scegliere....grandiosa!!!
    ciao
    Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu di poveri, ma belli e buoni te ne intendi Cri!! ....ma che dici, sto matrimonio si potrebbe fare?....orto e mare dei poveri?....Un abbraccione e grazie!!

      Elimina
  8. m'incuriosisce il ripieno del salato mamma che buono devo provarlo complimenti roberta ed il dolce pere e ciliege una bontà divina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, il salato e' anche il mio preferito....buono anche il dolce, ma il salato mi ha proprio conquistata...quella pasta e' una vera scoperta.....

      Elimina
  9. hai stracciato tutti, complimenti! E non solo con l'orario, ma anche con il doppio post, che di lunedi mattina è una gran colpo alla linea. Che meraviglia, sono estasiata da quelle morbide ciliegie sciroppate. Ora che mi ci fai pensare, ce le ho anche io, con tutto quello sciroppo morbido e profumato ... mi stai tentando, lo sai????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a te lo posso dire, tanto non ci sente nessuno: l'avevo programmato per stamattina, poi casualmente mi sono ritrovata ancora sveglia a mezzanotte, ho visto che Mari era ancora in giro e cosi' non ho resistito....non pensavo che sarei stata la prima...Osa con le ciliegie Stefi....meritano, fidati....

      Elimina
  10. Oggi ho bisogno di dolce ... mi prenderei molto volentieri una fetta dello strudel con le ciliegie ^_^

    RispondiElimina
  11. Cornaliiiiiiii!!! ma che vuoi rivincere? non t' è bastata la volta scorsa?? : ))))
    lo strudel salto con quella salsa che mi vien voglia di berla con la cannuccia tanto mi garba, e poi lo strudel dolce....aaaaaah!!!
    tutto mi piace! la salsa un 'altra volta (da urlo di gioia incontenibile), le pere e le mandorle amare che sono amare non a caso.
    sei un genio, ed io ti farei rivincere fosse anche solo per lo strudel che fa bungee jumping dalla pentola legato con lo spago :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A voglia, mi e' bastata per tutto il resto della vita, guarda....e infatti non ricapitera' piu' e quindi mi posso rilassare e pensare solo a divertirmi...occhio tu piuttosto, che rischi tutte le volte!!

      Elimina
  12. Mi inviti a mangiare il tuo strucolo? Perchè, con cavolo e zucca, mio marito me lo tirerebbe dietro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sa quel che si perde!!..il cavolo rapa cotto al forno e' di una bonta indescrivibile!!

      Elimina
  13. due versioni assolutamente da provare! brava!
    buona giornata
    spery

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Spery, buona giornata anche a te!!

      Elimina
  14. Sei arrivata prima e con due ricette! Ho ancora timore per certi tipi di ortaggi che, finchè vivevo a Napoli,non avevo mai visto, soprattutto perchè non saprei cucinarli o.O Tra cui i cavoli rapa....credo che mi lascerò ispirare da te e ci proverò ;-)
    Però tu conservami una fetta del tuo strudel dolce che adoro le ciliegie sciroppate ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buttati Vale'!! che so' bbuoni!!...cerca in rete nei siti anglosassoni, ci sono ricette fantastiche per cucinarli e danno soddisfazione...te lo concedo, sono sapori ai quali noi non siamo abituati, ma io non ci ho messo molto ad innamorarmene, prova anche tu poi mi dici....

      Elimina
  15. Oddio.....quello dolce è da paura....buona però!!!!
    Bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no dai che non fa cosi' spavento!!!....ahahahahahahah....Grazie!!

      Elimina
  16. Non solo hai postato il primo giorno e per prima ma ti sei presentata con ben due ricette!!Ma come fai?Spiegami il tuo segreto che qui è tutto un arrancare (e siamo pure in due!). Bellissime ricette e tanta invidia: la volta scorsa c'era il sidro di tua produzione, stavolta le ciliegie, mi ha fatto venire una gran voglia di invasare e conservare. un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho tanto tempo Chiara!!!...tantissimo tempo da non sapere che farsene, guarda......

      Elimina
  17. no vabbè Roby...ma così non si fa!
    due ricette in una volta sola, per di più così invitanti, così golose, così...così...così..meravigliose!!
    mi inviti!!?!
    soprattutto ad assaggiare la versione salata che mi ispira tantissimo!!
    un bacio grandissimo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quando vuoi Mile, son qui che ti aspetto...magari!!

      Elimina
  18. ciao prima donna che ha pubblicato due meraviglie stratosferiche!
    Adesso mi hai messo curiosità quindi mandamene un pezzo per :P
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pagamento anticipate, cara: quando arriva il tuo, ti mando il mio!!

      Elimina
  19. E' stato il primo post che ho letto, anzi, che ho cominciato a leggere perchè ieri notte, appena ho iniziato a scorrere le tue parole e a vedere le foto dei tuoi strudel, mi sono sentita gli occhi lucidi e mi sono detta: ma siamo matti? Se cominciamo così è finita, dove la prendo la forza per arrivare alla fine del mese? E ho anche capito che a vedere riprodotta la propria ricetta ci si può anche commuovere. Soprattutto vedendo delle meraviglie come le tue, i tuoi due strudel, uno più bello dell'altro!
    Sono assolutamente d'accordo con te circa il discorso sulle rape, le ho scoperte recentemente e le trovo molto interessanti. E mi piace tantissimo il fatto che tu riesca a fare miracoli con ingredienti cosiddetti poveri riuscendo a dar loro una grazia che altrimenti non avrebbero.
    Lo strudel salato è un un trionfo di equilibrio, con quella cremina acidina che sicuramente sarà andata a nozze con la dolcezza del cavolo rapa (ottima la scelta della cottura al forno delle verdure).
    E per quanto riguarda lo strudel dolce, basta guardarlo, parla da solo (adoro il sapore delle armelline, le aggiungo sempre quando utilizzo le mandorle nei dolci). E sfoglia perfetta!
    Insomma, grazie di cuore :))) (anche se dovrò verificare che tu non ci prenda in giro con quei nomi così astrusi :))
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come nomi astrusi?!?!...ancora non hai visto nulla Mari, non sai cosa ho in serbo per te....Grazie infinite, carissima...bello sentirti raccontare delle tue emozioni, della commozione che provi leggendo le nostre proposte. Goditele e fattele amiche, perche' rimarranno con te per molto tempo ancora....anche molto dopo la fine di questo mese....

      Elimina
  20. Tu, secondo me, dovresti vincere un po' ogni volta...tipo "primo classificato onorario". Sono, as usual, molto ammirata! =)
    Mariangela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, dillo alla Gennaro che e' una vita che non mi da un premio!!!.....GRazie Mariangela, a presto

      Elimina
  21. 2 alla volta e il primo giorno!! Va beh, lasciaci almeno le briciole :-)
    Io adoro gli strudel dolci anche se qui a Genova non è proprio il dolce di casa, ma ho vissuto a Trieste e direi proprio che là qualcosa ho assaggiato!! La tua ricetta è assolutamente da provare... Mi sa che con tutte le meraviglie che saranno in gara mio marito prenderà 3 kg a forza di assaggiare strudel! Baci e bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due a due finche' non diventan dispari, vi avviso!!....io sarei gia' contenta di prendere solo tre chili, da come si sta mettendo questa gara....

      Elimina
  22. No vabbè io non voglio essere nei panni della Mari, no, no!
    Battuto ogni record nella pubblicazione, ci schianti le ossa con 2 e dico 2 ricette. Tu non la senti la competizione, tu la crei!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io Marina, ti assicuro...nemmeno io vorrei essere nei panni della Mari, prevedo valanghe di strudel che la travolgeranno!!

      Elimina
  23. Hai battuto tutti i record. Stanotte ho assistito alla tua pubblicazione in diretta, ma avevo troppo sonno per leggere, troppo sonno per riuscirmi a concentrare. No, dovevo regalarmi un momento di lucida calma per godermi tutta questa abbondanza. Che dirti a questo punto? Belle, invitanti e golose entrambe le versioni.Quella zucca spacca lo schermo; quelle ciliege mi sembrano tanto reali da farmi venire voglia di prenderne una. Si sono lucida, sono cosciente. non è un sogno; è semplicemente la nostra grande Roberta!

    RispondiElimina
  24. Ma no Antonietta cosi' mi fai commuovere....cos'ho fatto per meritarmi tutte queste belle parole?

    RispondiElimina
  25. Cornali, se inizi così non vale!! Parto col primo strudel salato: ti chiamerò l’enciclopedia della rapa e del cavolo, grande intro per farsi una cultura per ‘gnuranti come me. E il resto del ripieno è un vero balletto di sapori, e quella salsa di porri col vino incontra decisamente i miei gusti!
    Lo strudel dolce mi ha realmente stesa, con le ciliegie sotto spirito fatte in casa.. la sfoglia è bellissima e concordo con te, una bella scoperta!
    Un bacione al condominio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da che pulpito!!...perche' scusa al tuo pere e frangipane manca qualcosa?!?....proprio vero che lo strudel della vicina e' sempre piu' buono....
      Il condominio ringrazia e ricambia!!

      Elimina
  26. Ommamma che meraviglia!
    Pensavo anche io di fare un post doppio, ma non ce l'ho proprio fatta, complimenti davvero.
    Bellissimi abbinamenti, alcuni ingredienti insoliti e lo strudel dolce...una delizia per gli occhi, figuriamoci per il palato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son partita in tromba questa volta, ma facendo cosi' si rischia di non dare il giusto spazio a ciascuna preparazione, quindi hai fatto bene a dedicare un post ad ogni strudel.

      Elimina
  27. wow...questo strudel con le ciliegie mi fa sognare...sembra di stare in una tè house rustica in campagna...deve essere buonissimo! e comunque non disdegnerei una fettina di quello salato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, un bell'afternoon tea a base di strudel....dolce e salato...perche' no?

      Elimina
  28. Belli Roby: bellissimi, saporiti, originali e tu velocissima oltre che bravissima!!! Grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fulmine di guerra questa volta Dani!!....la prossima la posto alle 23,59 del 25.....Grazie mille dei complimenti!!

      Elimina
  29. Quando tu hai postato io ero ancora alla seconda volta che mi leggevo il post e le regole...! E tu ...TAk! Ne pubblichi 2 in contemporanea e starci tempi e idee che soltanto tu potevi tirar fuori! Così stracci tutti!!

    E viva le rape!!! E viva la Roberta Cornali!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai, ma tu hai un'idea di quanto tempo io abbia a disposizione?....devo pur riempirle con qualcosa tutte queste ore....Sempre viva le rape e sempre viva la Mai Esteve!!

      Elimina
  30. Addirittura tutte e due le versioni, in pochissimo tempo…
    Accidenti!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata folgorata sulla via dello strudel!

      Elimina
  31. Sono basita, giuro! Per prima cosa dai tuoi due strudel, che fanno una gola pazzesca.. ma poi è proprio vero che non si finisce mai d'imparare! Non conoscevo il cavolo rapa, ma da come ne hai descritto il gusto e gli abbinamenti sono certa che mi piacerebbe. E poi, per utilizzare un'espressione alla Barbara D'Urso "Lei mi sta dicendo che le mandorle armelline sono l'interno dei comuni noccioli di pesche ed albicocche?" O.O Questa me la segno... e chi li butta più i noccioli!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno cosi' ho sempre saputo io...oh mamma, non farmi venire dei dubbi.....Comunque se vuoi aprire i noccioli armati di una morsa o roba del genere, perche' un semplice schiaccia noci non so se basta!! E non esagerare col consumo, perche' le armelline contengono una sostanza che puo' essere tossica se ingerita in grandi quantita'

      Elimina
  32. due proposte ed entrambe originali, perfette e golosissime, ormai ci hai abituati bene ma ogni volta ammiro le tue preparazioni, gli accostamenti e la tecnica, sempre bravissima! quanto mi piacerebbe fare l'aiutante in campagna da te (lavori di fatica e altro, ma col sorriso) mi candido :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Francesca!!...Questi complimenti fatti da colei che ha osato mettere la meringa nello strudel hanno il loro peso

      Elimina
  33. A Cornà! Mannaggia a te! Ma se po'??? No...cioè, ma hai visto le tue versioni? Eccccerto che le hai viste, e le hai anche preparate e mangiate. Nun se pooo noooo!!! E poi vieni da me, da tu sorela e me dici che le mie so du versioni de arta cucina? Te ce devo manna Cornà, eh?? No, dimmelo te!

    Fratella, sei immensa! Sappilo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Mazze'! Ma che stai a scherza'?...li mia so' piatti de cucina de borgata, robba semplice pe' ggente semplice...li tua so robba de signori....ma te ce manno io a te te ce manno!!

      Elimina
  34. Roby, m'inchino di fronte alla tua creatività e bravura.
    Il tuo strucolo mi ha letteralmente conquistata, con quell'elegante insieme di sapori: voglio il Kohlrabi anch'io, ma soprattutto vorrei un briciolo solo della tua bravura e capacità di fare abbinamenti di sapore così riusciti. Tra la crema di Feta al timo e la salsa di porri cotti nel vino, davvero mi hai stesa!!!! (Non vorrei dire, ma qui rischi di tirarti addosso la seconda vittoria! ^_^).

    E ora passiamo al dolce: mi faccio ogni anno le ciliegie giulebbate, senza spezie ma conservate intere con il nocciolo; mai però mi sarebbe venuto in mente di rafforzare il delicato retrogusto di mandorla amara con le armelline (pure io spacco i noccioli delle albicocche ogni estate quando faccio le marmellate, per ricavarne le armelline), e l'abbinamento con la pera è perfetterrimo.
    Insomma, te la stai tirando addosso due volte, la vittoria, in un post solo. Io ti avverto... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi, ricevere tutti questi complimenti da te mi fa viaggiare a un metro da terra!!! Ma esageri di brutto quando dici che ti mancano bravura e capacita'!! Scherzi vero? Comunque grazie di cuore Mapi, sono lusingata e commossa dalla tua approvazione.

      Elimina
  35. mi piacciono quelle ciliege che scappano fuori dalla fotografia, e, per dirla tutta mi piacciono anche le virgole di questo tuo post!
    grazie
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curo molto le virgole, Sandra. Sono lieta che qualcuno lo abbia finalmente notato! Grazie di cuore :)

      Elimina
  36. una partenza col botto!!!!!! una vera meraviglia,foto stupende che danno l'idea di quello che sentirei in bocca...se solo potessi assaggiarlo!!! brava brava davverissimo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qui e' gia' ora di rifarli Antonella!

      Elimina
  37. ero convintissima di aver già commentato a suo tempo. chissà dove è finito il mio commento. probabilmente a spasso con l'unico neurone che mi resta.
    comunque, poco male.
    questi due strudel mi hanno sedotto, soprattutto, devo ammetterlo, quello dolce. a partire dall'aspetto meraviglioso, per arrivare al sapiente connubio di sapori. non uno di meno, non uno di più. magistrale.

    ma mi è piaciuto molto anche quello salato, anche perché quest'anno è stato per me l'anno della scoperta delle radici, tutte, che trovo buonissime, in primis il cavolo rapa, anche se non sapevo che non fosse a rigore una radice.
    insomma, davvero grande con queste prove! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti quante volte mi capiti la stessa cosa Gaia, mi sa che il mio mezzo neurone sta passeggiando insieme al tuo....Grazie infinite per i tuoi complimenti, a presto!

      Elimina