domenica 24 febbraio 2013

un impasto piu' una crema uguale quattro torte





"Ohmammasantissima!!...cos'e'?...cosa sono quelle...robe li'?"
Come cosa sono? Non le vedi?
"Per vederle le vedo anche...e ti giuro che non vorrei...ma ancora non capisco cosa sto guardando..."
Sono delle mini red velvet cakes!
"Davvero?!?!...vuoi sapere a cosa mi fanno pensare?"
No che non voglio...
"Fa niente, te lo dico lo stesso..."
...ci avrei scommesso...



"Mi fanno pensare a quando Sansone si ingozza con le crocchette e poi le vomita tutte intere...Ecco, sembra proprio che siano state ingoiate e poi sputate tutte intere...e gia' ti ho fatto un favore a farle uscire dalla stessa parte da cui erano entrate!"
Grazie...e' bello sapere di poter sempre contare su una parola buona da parte tua...
"Mi devi ringraziare si', mi devi...Ti ho evitato di fare una figuraccia pubblicandole sul blog."
Ma io le voglio pubblicare!
"Starai scherzando, spero...con quelle foto? No, dico, vogliamo parlarne?"
Quelle ho e quelle pubblico, io meglio di cosi' non so fare!
"Almeno ritoccale!"
Gia' fatto...
"Ah!...chissa' com'erano prima...magari, visto che col ritocco ci acchiappi anche meno che con la macchina fotografica, hai solo peggiorato le cose..."
Toh, guarda!
"No, hai ragione, non le hai peggiorate: peggio di cosi' e' impossibile..."




A dire il vero il titolo di questo post avrebbe dovuto essere: " Vorrei, ma non posso!".
Io ci metto tutto l'impegno possibile. Spendo ore a guardare foto, a studiare tecniche e procedimenti, ma quando passo alla pratica, il risultato non rende mai giustizia agli sforzi fatti. Ormai mi sono arresa: tra me e la decorazione delle torte, c'e' un muro invalicabile. Non parliamo poi delle fotografie...non parliamone proprio, tanto parlano gia' a sufficienza da sole...
Ma se avrete la clemenza di non cavillare sui miei limiti, come fa sempre Quella, l'idea che vi propongo non e' male: accontentare i diversi gusti dei nostri ospiti partendo da una sola torta. Basta aromatizzare la crema di farcitura con quello che ognuno gradisce di piu' o scegliere una copertura che incontri il gusto individuale e il gioco e' fatto! La Red Velvet senza glutine proposta da Stefania per la sfida di questo mese, e' talmente versatile e si presta a cosi' tante e diverse interpretazion, che e' perfetta per questo scopo. Per non parlare della sofficita' che le farine senza glutine regalano a questo dolce e del suo scenografico colore. Anche la crema e' la stessa per tutte le torte: cream cheese, panna montata, zucchero e un'idea di vaniglia. Da questa base quasi neutra, senza sapori spiccatamente riconoscibili che richiederebbero un'attenzione particolare nella scelta degli abbinamenti, si puo' partire per un viaggio senza fine. Davvero, quando ho cominciato a pensare con cosa aromatizzarla, non mi sarei piu' fermata: basta che diate uno sguardo in dispensa e qualcosa lo trovate di sicuro! Unico accorgimento: sia la torta che la crema dovranno essere ben fredde, quando monterete i dolci. Inoltre vi consiglio di preparare dei cilindri di carta forno con un diametro pari a quello scelto per le vostre mini cakes: questo vi garantira' degli spessori piu' uniformi e impedira' che il peso degli strati superiori schiacci la farcitura di quelli inferiori, facendola schizzare fuori dai bordi. Prima di decorare le vostre mini cakes, lasciatele, cosi' avvolte dalla carta forno, in frigorifero per almeno tre ore o anche tutta una notte: questo dara' il tempo alla crema di solidificarsi e la torta ne assorbira' sia' l'umidita' che gli aromi. Inoltre vi facilitera' il lavoro di copertura e vi dara' la possibilita' di procedere per fasi, senza stress.

Per la ricetta della Red Velvet Cake senza glutine, vi rimando al bel post di Stefania: ricordatevi, se volete preparare la torta per un celiaco, di seguire tutti i suoi suggerimenti e le informazioni che trovate qui. L'unica variante che ho apportato e' per il colorante: io ho utilizzato il colorante in gel della Wilton nella tonalita' Red Red e ne ho messo 1 cucchiaino e mezzo. L'impasto e' molto liquido, quindi sarebbe meglio utilizzare delle teglie non apribili, se non volete correre il rischio che vi coli tutto sul piano del forno. Se, come me, non avete stampi adatti, vi consiglio di foderare delle tortiere a cerchio apribile con carta da forno e poi di rivestirle esternamente con dei fogli di alluminio. In ogni caso lasciate una leccarda sotto alla griglia su cui avete messo le teglie.



Dalle due torte ottenute, ricavate dei dischetti di 8 cm di diametro, utilizzando un tagliabiscotti. Questa operazione riuscira' molto megio se avrete lasciato la torta in frigorifero per diverse ore, anche un giorno intero. Io ho ricavato 5 dischetti da ogni torta, poi li ho divisi a meta' ottenendo cosi' 20 strati che ho utilizzato per quattro tortine di cinque strati ciascuna.
Per farcirle o utilizzato una crema al formaggio cremoso, ma con la panna montata al posto del burro:

Ingredienti:
200 g di formaggio cremoso a temperatura ambiente
120 g di zucchero a velo senza glutine setacciato
250 ml di panna fresca montata
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

A mano o con il frullino elettrico a bassa velocita', mescolate il formaggio per qualche secondo fino a renderlo cremoso e senza grumi. Sempre mescolando aggiungete lo zucchero a velo poco per volta. Quando avrete incorporato tutto lo zucchero, aumentate di poco la velociata' e continuate a montare la crema per un paio di minuti. Suddividetela in 4 ciotole, 80 gr per ciotola. 
A questo punto potete aromatizzare la crema con gli ingredienti da voi scelti, nel mio caso:

Caffe' al cardamomo:

1 tazzina di caffe' forte
1 cucchiaino di caffe' solubile
3 bacche di cardamomo schiacciate
1 cucchiaio di acqua
1 cucchiaio di zucchero

Ho preparato il caffe' e gli ho aggiunto un cucchiaino scarso di caffe' solubile e le tre bacche di cardamomo. Ho coperto la tazzina e l'ho lasciata in infusione per una venitna di minuti. Ho filtrato il caffe' e ne ho aggiunto un cucchiaio alla crema di formaggio, mescolando bene. Ho poi aggiunto anche 60 g di panna montata, mescolando delicatamente da sotto in su per non smontarla, ho coperto il contenitore della crema e l'ho messo in frigorifero per un paio d'ore. Ho messo il resto del caffe' in un pentolino, ho aggiunto l'acqua e lo zucchero e l'ho fatto sobbollire a fuoco basso per un minuto, per formare uno sciroppo con il quale ho spennellato leggermente gli strati di torta e che poi ho versato sulla torta finita.

Caffe' e cardamomo
Cioccolato bianco e cocco

1/4 di crema al formaggio
2 cucchiai di farina di cocco
60 g di panna montata
100 g di cioccolato bianco

Ho aggiunto il cocco alla crema di formaggio e poi ho unito anche la panna. Dopo aver montato la tortina e averla lasciata riposare in frigorifero, ho fatto fondere il cioccolato bianco a bagno maria e l'ho versato solo sulla superficie superiore. Per realizzare la decorazione del bordo, tagliate una striscia di carta da forno alta quanto la tortina lunga quanto il suo diametro piu'  2 cm. Disegnate a mano libera o ricalcandolo il motivo che preferite; fate in modo che le linee del disegno siano collegate tra loro da piccoli ponti e create dei bordi lungo i margini superiore ed inferiore del disegno: questo facilitera' il compito quando dovrete staccare la carta forno. Girate il foglio, in modo che la matita non venga a contatto col cioccolato, e appoggiatelo su un altro foglio piu' grande. Servendovi di un sac a poche con bocchetta tonda e piccola o di un cono di carta forno, seguite le linee del disegno con il cioccolato fuso. Quando il cioccolato si sara' rappreso in superficie, ma sara' ancora malleabile, sollevate la striscia di carta e premetela lungo il bordo della tortina, assicurandovi che il cioccolato abba fatto presa. Mettetela in frigorifero ed attendete che il cioccolato si sia completamente indurito prima di togliere la carta.

Cioccolato bianco e cocco


Fragola e rabarbaro

1/4 di crema al formaggio
2 cucchiaini di confettura homemade di fragole e rabarbaro
60 gr di panna montata

Ho proceduto come per le precedenti e dopo aver ricoperto l'esterno della mini cake con la crema, l'ho spolverizzata con briciole di red velvet ricavate dai ritagli delle torte grandi.


Fragola e rabarbaro

E infine, la poverina al cioccolato fondente era talmente brutta che non me la sono sentita di esporla tutta sola al pubblico ludibrio...Peccato, perche' secondo me e' la migliore. Purtoppo quando l'ho rivestita con la glassa era troppo fredda e il cioccolato si e' immediatamente rappreso in grosse colature che la facevano somigliare ad un cero per una qualche sorta di cerimonia satanica...Quando ho provato a sistemarla, ho solo peggiorato le cose, quindi accontetatevi della ricetta per la glassa, che e' in assoluto la mia preferita:

Glassa al cioccolato fondente

100 g di cioccolato fondente all'85%
50 ml di panna fresca liquida
80 gr di zucchero bianco

Mettere tutti gli ingredienti in un pentolino a fondo spesso. Far scaldare a fiamma bassa e mescolando in continuazione fino a quando il cioccolato non si sara' sciolto completamente. Lasciar sobbollire a fiamma bassisima e mescolando di tanto in tanto per 3 minuti. Togliere dal fuoco e mescolare piano per far abbassare leggermente la temperatura. Versarla ancora calda sulla torta, facendola colare per coprire tutti i lati. Questa mini red velvet cake, l'ho farcita con il resto della cream cheese alla quale ho aggiunto un cucchiaino di cacao amaro.



48 commenti:

  1. tesoro, io so solo che il mondo è belloperchè vario e se ti interessa sapere a cosa ho pensato io...beh, ho pensato a delle bellissime candele...non so perchè...forse perchè io ho la fissa. certo, ho capito che erano delle red velvet, ma erano così belle che sembravano finte, di cera...quella bianca col cioccolato poi...e dopo aver letto gli ingredienti ti giuro che le vorrei assaggiare tutte. capolavori, altrochè. sei un piccolo genio! buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E soprattutto a 'sto mondo c'e' spazio per tutti!! eccheddiamine!! Guarda, tolta quella fragola/rabarbaro, decisamente troppo dolce per i miei gusti, anch'io non saprei quale scegliere se le avessi qui adesso!! Buona domanica anche a te e ai tuoi tesori, carissima!

      Elimina
  2. e ogni volta che passo da qui resto incantata, sapevalo :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita anche a me quando passo da te!!...e scusami se commento poco...

      Elimina
  3. Volevo fotografare la torta che ho fatto stamattina per la mia collega e mandartela.. Ma dopo ver visto queste quattro creazioni divine penso che non lo farò!! Non vedo l'ora di essere lì!!!

    RispondiElimina
  4. io resto sempre incantata dai tuoi dolci... a me sembrano proprio dei gioielli!!! buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si', delle gemme grezze!!...ahahahahah... Grazie Sere, buon week end anche a te!

      Elimina
  5. forse le foto non saranno proprio da Hamilton (ma sono poche le fortunate che sono capaci di farle così bene), ma le torte sono splendide nella loro concezione e perchè no, anche nella realizzazione: quella con il "pizzo" bianco mi ha conquistata, tant'è che penso proprio di copiartela quanto prima :-))))!
    Grazie mille di avermi fatto anche sorridere leggendo il tuo post !Buona domenica
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Dani!! Che piacere leggerti. Caspita, con questo commento potrei anche montarmi la testa...fortuna che c'e' Quella a tenermi con i piedi per terra!! Grazie di cuore Dani, a presto. Un abbraccio.

      Elimina
  6. beh, invece a me piacciono, e sai che ti dico?! Ammiro la tua fantasia e la tua creatività, io non avrei neppure saputo da che parte cominciare...sono troppo pigra e polentona per mettermi a creare delle torte così!
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti chi parla di fantasia e crativita', Miss Mani d'Oro!! Beh adesso lo sai da che parte cominciare. Magari comincia con una sola...Un bacione e grazie!

      Elimina
  7. Bellissime con queste torte piene di colorante mi avete proprio incuriosita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, gia' le abbiamo tolto il glutine, non potevamo toglierle anche il colore, povera Red Velvet!!

      Elimina
  8. A me piacciono tantissimo soprattutto quella al cioccolato bianco e cocco... e con tutte queste red velvet mi è venuta voglia di prepararne una anche a me!!!
    Bravissima.
    Federica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro mi sono divertita un mondo a farle...Grazie Federica, un abbraccio.

      Elimina
  9. Beh Roby, per me sono bellissime!!! Che impegno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Robi! Il segreto e' organizzarsi e dividere il lavoro in fasi, poi non e' piu' impegnativo che fare una sola torta grande.

      Elimina
  10. Non sai come sono felice di rileggerti. Stavo aspettando proprio io tuo post perché la foto su FB mi era piaciuta tantissimo. Ed il tuo ritorno strepitoso, dimostra la tua voglia di recuperare l'assenza. Le tue velvet mignon sono adorabili e tu sei il mio mito sempre. Un fortissimo abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tesoro che sei! Questa cosa del mito mi carica d'ansia...Ricambio l'abbraccio, carissima Patty Pat.
      P.S.: li faccio i pici eh, tranquilla che li faccio....

      Elimina
  11. Semplicemente favolose!!!
    Hai proprio le mani d'oro!!!
    Un bacione grande e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non e' falsa modestia, te lo assicuro: son proprio bruttine, porelle...Comunque grazie di cuore, Carmen. Un bacione.

      Elimina
  12. Passare di qui è come passare davanti alle vetrine di una gioielleria di lusso....con la differenza che non si rischia di svuotare il portafoglio appena varcata la soglia;)))
    Ricchissima e strepitosa proposta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una differenza non di poco conto!!

      Elimina
  13. Alla faccia delle 4 tortine!!! Una più goduriosa dell'altra. Per il rivestimento al cioccolato... beh, in Olanda si usano ... i ceri :-)
    Scherzo! Anche io ho toppato con la prima glassa, e quindi rimango con la ricetta della mia.... che non tradisce.
    Buona la... quarta?!
    Baci
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che mi sto facendo influenzare un po' troppo dalla...cultura locale?

      Elimina
  14. che spettacolo! uno splendido buffet di dolci, non saprei quale scegliere, le prendo tutte!!! -D

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. Un modo carino per dirmi che sono prolissa? :-))))

      Elimina
  16. direi una meglio dell'altra :-D

    RispondiElimina
  17. Senti tu sei troppo modesta, io trovo che queste tortine siano divine.
    Okok forse quella al caffè e cardamomo, porella, è un po' sbilenca,
    ma quella magnifica decorazione al cioccolato bianco (che altro che Knam) compensa.
    brava brava brava

    PS ma poi mi spieghi bene la storia dello zucchero, vero???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono stufata di contraddirvi: Ok, le mie minicakes sono divine e bellissime, anche quella al caffe' e cardamomo!!
      P.S.: perdo colpi...quale storia dello zucchero????

      Elimina
  18. Tesora, ma chi è stato così ingeneroso con queste belle tortine mignon?
    Sarà che io resto sempre affascinata davanti alla "mignotteria" ;o) assortita, ma a me sembrano una bellissima idea e un'ottima presentazione.
    Un bacione grande :o*****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no no, da te non l'accetto teso'!! come fai a dire che sono bellissime??? le tue sono bellissime, mica queste qua!!

      Elimina
  19. quando ho smesso di ridere, ho provato a concentrarmi sulla mia preferita, ma in ognuna c'è qualcosa che mi attira fortissimamente... però direi che il rabarbaro, che amo e qui non trovo, mi tenta un po' di più...
    Bellissime tutte e sicuramente ottime! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai come si dice, no? Meglio far ridere che fare pieta'!...io riesco a fare entrambe le cose contemporaneamente...Appena torna di stagione, volgio provare a farne una con il solo rabarbaro: questa con la fragola era un po' troppo dolce per i miei gusti....

      Elimina
  20. sono tutte meravigliose, ma quella con il cioccolato bianco al cocco è veramente elegante e stupenda.
    sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima! Concord, quella al cioccolato bianco e' la meno peggio delle 4.

      Elimina
  21. ecco... io ti metto a te al pubblico ludibrio, se ti permetti ancora una volta di essere così modesta. Queste torte sono di un bello, squisitamente internazionale, con dei gusti tremendamente perfetti (caffè + cardamomo = fantastico. Cocco + cioccobianco = estasi) e se poi guardo il pizzo che decora quella bianca.. sono senza parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah, sara'...se lo dici tu...io continuo a vederle bruttine...buone, ma bruttine

      Elimina
  22. Ma quanto è cattiva Quella? Se dice che le tue torte sono brutte non so cosa potrebbe dire della mia...
    Una versione più sfiziosa dell'altra: quella al cardamomo e caffè, mi ha stregata per l'accoramento dei sapori che trovo perfetti per questa base; quella al cocco e al cioccolato bianco mi ha stregata per l'eleganza e la maestria nella decorazione; quella al cioccolato mi ha stregato perché il cioccolato è sempre il cioccolato e quella "classica, perché la sostituzione del burro con la panna è geniale! Insomma 4 proposte intriganti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai com'e', Stefi, e' sempre la solita vecchia storia: chi sa fa' e chi non sa giudica! Quella non sa fare niente, ma si permette di giudicare tutto quello che faccio io...e mai una volta che il giudizio sia positivo. Meno male che ci siete voi a tirarmi su il morale!!

      Elimina
  23. non c'è una cosa che io non adori delle tue quattro versioni.. ah si, ho trovato: che non le posso mangiare!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gran brutto difetto, lo ammetto....Grazie di cuore, a presto.

      Elimina
  24. ma sono bellissime!Complimenti!

    RispondiElimina