lunedì 21 novembre 2011

Hutspot

Imperdonabile mancanza alla quale corro subito a porre rimedio. Mi accorgo, anzi, mi e' stato fatto notare dalla mia amica Saskia, che non ho mai pubblicato una ricetta olandese. Il fatto e' che io non ho mai cucinato un piatto tipico di qui. Eppure ho avuto modo di assaggiarne diversi, sia al ristorante che preparati in casa dalle mie amiche, e li ho trovati davvero ottimi. Per la maggior parte sono piatti "contadini", semplici, con pochi ingredienti insaporiti da qualche spezia. Raccontano di un Paese dove, a causa del clima, della posizione geografica, della conformazione del suolo, coltivare la terra costava tanta fatica e non dava la varieta' e la quantita' di prodotti comuni ad altre latitudini. Parlano di piccoli, agili, veloci velieri carichi di spezie provenienti dall'altro capo del Mondo. Parlano di mare, di fumo di legni aromatici, di barili di sale. Parlano delle grandi mucche bianche e nere che pascolano placide sui verdi prati strappati al mare e producono un latte grasso e ricco con cui fare ottimi formaggi. Parlano di belle pentole di ghisa lasciate in un angolo del camino per ore...Adesso ci sono chilometri quadrati di serre nelle quali si coltivano tutto l'anno pomodori, peperoni, melanzane e zucchine; pescherecci grandi quanto una piccola citta' che congelano il pesce appena pescato e lo vendono ai Giapponesi; grandi supermercati dove si trovano prodotti freschi e confezionati provenienti da ogni parte del mondo. Ma ancora oggi, se chiedete ad un Olandese quali sono i piatti tipici del suo Paese, quasi sicuramente il primo che vi elenchera' sara' Hutspot. Il nome, che significa pasticcio o miscuglio, da gia' un'idea della ricetta. Infatti si tratta di un "miscuglio" di carne stufata per ore e di verdure bollite e ridotte in purea. La mia amica Saskia e' stata cosi' carina da prepararlo per noi, insieme ad un' altro piatto tipico del quale vi parlero' piu' avanti, e da darmi la ricetta.



INGREDIENTI:

1 kg di patate da puree tagliate in pezzi

500 g di carote a rondelle

250 g di cipolle in spicchi

1 kg di carne di manzo per brasato, tipo brione, tagliata in pezzi non troppo piccoli

1 cipolla grossa

2 o 3 pomodori da sugo o pelati in scatola

burro

alloro

sale e pepe

Mettete le patate in una capace casserruola, copritele d'acqua e sopra fate uno strato con le carote e uno con le cipolle. Fate cuocere finche' le verdure saranno tenere, circa 20 minuti. Scolate le verdure conservando il liquido di cottura, poi riducetele in purea non troppo fine, aggiungendo se occorre qualche cucchiaio del loro liquido o del latte. Salate, pepate e uniteci una noce di burro, se volete.

Tradizionalmente la carne per l'Hutspot si cuoce nella pentola in ghisa. Si fa soffriggere la cipolla con un po' di burro poi la si toglie dalla pentola  e si fanno rosolare a fiamma viva i pezzi di carne da tutti i lati. Salare e pepare, poi aggiungere la cipolla rosolata, i pomodori, pelati, privati dei semi e spezzettati, e una foglia di alloro. Coprire e far cuocere a fuoco molto basso per 3 ore. Non dovrebbe esserci bisogno di aggiungere acqua, ma se serve fatelo per permettere la formazione di un bel sughetto. Al momento di servire mettete due o tre cucchiaiate di puree di verdure nel piatto, fate una fossetta nel centro e riempitela con un po' di sugo della carne. Sistemate uno o due pezzi di carne accanto al puree e servite subito. Eet smakelijk!

 

7 commenti:

  1. Bellissima Ricetta e stupenda presentazione!! Quasi come faccio io il classico spezzatino, questo mi fa pensare come si assomiglino diverse ricette sparse per i vari continenti.

    UP

    RispondiElimina
  2. valigiasulletto22 novembre 2011 18:41

    @Stefano: grazie mille, che bei complimenti!! Anch'io faccio lo spezzatino piu' o meno allo stesso modo, quello che trovo interessante e' il metodo di cottura delle verdure...Ciao, a presto

    RispondiElimina
  3. Buono, buono, buono. Adoro spezzatini e stracotti, sono i miei piatti di carne preferiti e poi accostati alle patate li trovo insuperabili. Mi piacciono questi piatti e poi sono tradizionali, parlano di un paese, della sua storia. Ma Saskia dà lezioni di cucina olandese???
    Bacio grande

    RispondiElimina
  4. Mmmm! Sembra proprio bello e buono e a vederlo fà caldo,dà il senso di qualcosa che si mangia in inverno in zona camino :-)
    Grazie a te e a Sasika,visto che amo l'Olanda sicuramente proverò a cucinarlo e vediamo se mi piace anche l'Olanda a tavola :-PP
    Kiss

    RispondiElimina
  5. Ohh, Una bella ricetta di carne di quelle che piacciono a me, lunghe cotture, sughettino confortante, profumino di inverno. Me la segno subito e sono davvero felice di avere incontrato il tuo blog. Un abbraccio, PAt

    RispondiElimina
  6. valigiasulletto24 novembre 2011 19:18

    @Sabina: visto che Saskia sarebbe una delle allieve del tuo corso, potresti proporle un baratto...Un abbraccione, a presto

    @Olandesina76: hai proprio ragione: tipico piatto invernale, di quelli che e' bello pensare ci stiano aspettando a casa mentre si torna dal lavoro quando fuori e' gia' buio e fa freddo...

    @Patty: benvenuta e grazie di cuore per la visita! Ricambio l'abbraccio, a presto

    RispondiElimina